Guida al filato giusto

Il primo passo per iniziare in modo ottimale a creare le tue borse  è quella di scegliere il filato giusto. Un errore (seppur banale) può sconvolgerti tutto il lavoro, e spesso ciò è irrimediabile.

In questo articolo voglio aiutarti nella scelta, spiegandoti quali sono i migliori filati per borse sul mercato italiano . Noterai che scegliendone uno troppo sottile, rischieresti di rendere meno stabile il lavoro , ed invece uno troppo rigido potrebbe rovinare il suo aspetto.

Perché è importante scegliere il filato giusto

Il filato giusto ti permette di ottenere ottimi risultati a fine lavorazione. Il vantaggio nel saper scegliere quello più adeguato è che non saranno presenti imperfezioni né a livello estetico né a livello funzionale.

I fattori che incidono su una buona lavorazione , non sono esclusivamente a livello funzionale, ma gioca un ruolo importante anche quello estetico.

Fattori estetici da non sottovalutare

  • Colore
  • Lucentezza

Questi tre fattori sono estremamente importanti, affinché le tue creazioni artigianali possano riuscire meravigliosamente bene. Nonostante queste caratteristiche facciano un buon 50% del lavoro, il resto sarà a discrezione tua.

Fattori estremamente importanti

  • Qualità
  • Resa
  • Lucentezza
  • Resistenza nel tempo

Naturalmente ti starai chiedendo “come faccio a valutare tutti questi elementi?”, non c’è alcun problema. Anche in questo caso ti seguirò io, spiegandoti dettagliatamente quali filati dover scegliere.

Diverse tipologie di filato

Per scegliere il filato giusto, occorre sapere la sua provenienza ma soprattutto tipologia. Infatti esistono diversi tipi di filato in commercio, eccone qualcuno:

  • Cotone
  • Swan
  • Thai
  • Rafia
  • Sintetico
  • Fettuccia
  • Cordino
  • Tripolino

Il cotone: il più utilizzato e conosciuto

Fonte: Eurotessile

Il cotone è l’aspetto essenziale del cosiddetto handmade e di tutte le sue sfaccettature. Esso lo troviamo ovunque in commercio, e viene utilizzato per tantissime cose: creazioni artigianali, negli abiti, accessori (anche medici) e perfino per la costruzione di esplosivi.

Ancora oggi il cotone è il più utilizzato in tutto il mondo. Una fibra naturale che nasce da una pianta, la sua coltivazione avviene prevalentemente in paesi caldi (come nel sud dell’America, Africa occidentale e settentrionale e in Asia centrale).

Tutt’oggi c’è l’abitudine di tingere il cotone (essendo un tessuto naturale) grazie a delle erbe o fiori naturali. Ciò viene fatto per dare un tocco e una lucentezza in più, rispetto al solito.

Thai= il filato thailandese perfetto

 

Il filato Thai come si potrebbe facilmente intuire, proviene dalla Thailandia ed importato in Italia . Esso è molto usato per realizzare borse e accessori artigianali.

La sua elasticità e resistenza alla rottura, permette di poter utilizzare l’uncinetto senza aver timore che il filato si spezzi e che il lavoro possa terminare nel peggiore dei modi. Per quale tipo di borsa sceglierlo? Lo puoi usare sia per una borsa elegante che per una casual, da giorno .Si presta molto bene ed è adatto anche alle neo” uncinettine” essendo molto scorrevole .

Ma non tutto il thai che troviamo sul mercato proviene dalla Thailandia . Nei ultimi anni anche il thai italiano ha fatto breccia nel carello delle creative . Diciamo una verità sacrosanta : la qualità dei materiali ,la cura e il controllo dei filati porta il marchio “made in italy” .

I filati che arrivano dal estero sono spesso e volentieri privi di certificazioni ,mal odoranti (quindi non sappiamo cosa contengono realmente ) e si,ok ,costano di meno . Qui ognuno fa la sua scelta morale,etica ,compatriotica ….quello che volete . Quindi stiamo attenti e sopratutto sentiamoci liberi di chiedere tutte le informazioni possibile prima della scelta .

Il filato Thai italiano lo puoi trovare in diverse combinazioni di formati ,colore e prezzi  da Nina Handmade

Il filato fettuccia: successo garantito

Il filato fettuccia garantisce risultati formidabili. Esso è ideale per chiunque voglia dedicarsi all’uncinetto.

L’unica pecca della fettuccia è la presenza di alcune imperfezioni. Esse sono dovute al fatto che il tipo di filato citato, è uno scarto di tessuti. Quindi se noterai alcuni colori non uniformi, e dei tagli imprecisi, ora saprai il motivo. Quindi attenzione quando la compri. se invece vuoi un finish curato opta per i rotoli continui di fettuccia che sono delle strisce tagliate perfettamente e senza imperfezioni sui bordi.

La fettuccia puoi trovarla in gomitoli, con fantasie o in tinta unica. Inoltre in commercio esistono diverse tipologie, tutte suddivise in:

  • Lycra
  • Organza
  • Tulle
  • Acrilico
  • Cotone
  • Filanca
  • Misto lana
  • Jersey

Una grande varietà di fettuccia la puoi trovare su Tessiland  . In altri paese ,come Brasilia per esempio ,la fettuccia è un must . Le creative si divertono tantissimo con questo filato colorato .

Il consiglio (personale) che posso darti, è quello di scegliere  una fettuccia leggera e molto sottile se non vuoi avere alla fine  una valigia piuttosto che una borsa chic. Non vuoi affatto questo risultato finale ,vero?

L’alternativa alla fettuccia

Una valida alternativa alla fettuccia è la cosiddetta Rafia. Il punto di forza di quest’ultimo materiale è la sua resistenza. Il materiale proviene al 100% dalla cellulosa di origine vegetale.

La Rafia viene venduta molto spesso in offerta da Tutti a mano di Luisa ed è facilmente reperibile online.

La rafia è importante per chi lavora molto con l’uncinetto, per poter eseguire ottimi ricami ed intrecci. Considera che essa viene anche utilizzata per fabbricare corde, stuoie e reti.

SWAN: semplicissimo da utilizzare

Avrai sentito sicuramente del cordino SWAN.  Questo cordino è la star assoluta delle borse al uncinetto !!!! Esso proviene dalla Thailandia ed è la salvezza per chiunque voglia lavorare con facilità una borsa, in maniera pratica e funzionale.

Puoi trovare il cordino Swan su Marolain   suddivisi per colori differenti. Tra l’altro l’utilizzo è molto semplice, ed è uguale per qualsiasi cordino scelto. Grazie ai nuovi formati potrai lavorare direttamente attraverso la busta, infatti noterai un piccolo foro creato appositamente per questo.

Se vuoi una combinazione insolita con un effetto mat dai uno sguardo da   Intrecci Preziosi di Federica Evaristo  ci troverai varietà dal acetato alla fibra sintetica .

Adesso sta a te scegliere il filato per le tue prossime creazione ,ricordati sempre di informarti al massimo prima del aquisto , usa la tua creatività ,prendi spunto da internet e cerca di essere unica e collabora con le altre creative ,allarga sempre i tuoi confini .

E tu? quale è il filato che preferisci di più?

 

 

perchè scegliere Siteground per il tuo blog?
30 giugno 2017
I designer di borse handmade che sono diventati famosi
14 agosto 2017
5 buoni motivi per comprare un regalo fatto a mano
10 luglio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *