Come presentare al meglio le tue creazioni

Presentare al meglio le tue creazioni, vuol dire, dare un valore aggiunto a ciò che offri, ma soprattutto a ciò che crei. Il trucco è scattare una foto che rappresenti realmente, la bellezza del tuo prodotto handmade.

Naturalmente starai pensando “non sono mica un fotografo“, ed è vero, ma proprio per questo motivo voglio aiutarti con alcuni segreti, per far presentare al meglio le tue creazioni. Segui attentamente i consigli, e vedrai subito le differenze.

4 trucchi per presentare al meglio le tue creazioni

Molto spesso dopo aver completato le nostre creazioni, al momento la sensazione è davvero magnifica. Ma dopo che scattiamo qualche foto, notiamo che qualcosa non è andata per il verso giusto. Ecco qualche tecnica che potrebbe esserti utile, a risolvere questo problema.

L’angolazione è tutto

Che senso ha non mostrare ogni angolazione del tuo lavoro? Cerca di mostrare al tuo pubblico ogni parte della tua magnifica creazione. Sfrutta tutte le angolazioni possibili, e sii fiero del lavoro che hai appena terminato.

Scegli la luce giusta

Se finisci il tuo lavoro in serata, non aver fretta di pubblicarlo. Di sera c’è buio, e per scattare una foto decente, non basta la luce della lampadina. Piuttosto sfrutta la luce del giorno, l’indomani penserai a scattare una fotografia come di giusto.

Il polso immobile

Foto sfocata, l’oggetto è poco visibile e la nitidezza è quasi inesistente? Se almeno uno di questi fattori è presente, ciò significa che durante lo scatto, la mano o il polso, non era completamente fermo. Bensì il forte movimento ha generato una fotografia poco soddisfacente.

Se vuoi un consiglio per aver la mano più ferma, ti conviene tenere la fotocamera o il tuo smartphone, con due mani. Con la mano con cui ti viene meglio, premi leggermente il pulsante per scattare, dopo il famoso click attendi altri due secondi, e noterai la differenza.

Controlla la messa a fuoco

La messa a fuoco è importantissima per presentare al meglio le tue creazioni. Sia lo smartphone, che la fotocamera, utilizzano entrambe questa impostazioni. Molto spesso la fotocamera ha l’impostazione in automatico, quindi non dovresti aver problemi.

Viceversa, nel momento dello scatto assicurati che l’oggetto sia stato preso di mira dalla fotocamera dello smartphone o di qualsiasi cosa, premi leggermente il tasto per scattare e pian piano vedrai i miglioramenti della tua creazione.

Trova le differenze

In riferimento a quanto detto prima, ti mostro due esempi in cui nel primo (come potrai osservare), la foto è scattata male. Avere una buona luce  è fondamentale per vedere bene la lavorazione della borsa.

Attenzione anche allo sfondo :per una borsa di colore  scuro consiglio uno sfondo chiaro , se è una borsa colorata allora lo sfondo dovrebbe essere monocolore,minimalist e se inceve la tua borsa chiara usa uno sfondo colorato ma sempre monocromatico .

 

 

Foto scattata MALE

Foto scattata BENE (l’ideale)

La seconda foto è stata curata nei minimi dettagli, la luce del mattino, la differente angolazione per mostrare interamente la borsa, la nitidezza ma soprattutto il bellissimo abbinamento tra le creazioni handmade e la stanza presa in riferimento.

 

Non avere paura 

Non avere paura di fallire. magari le prime foto non saranno di tuo gradimento , dovrai riprovare tanto  ,in diversi giorni ,in diverse angolazioni e tempi . Non avere fretta di pubblicare una foto se non sei convinta che vada bene . Solo un lavoro meticuloso ti portera ad un risultato ottimale .

Sii creativa anche quando scatti le foto alle tue borse …immaginati un pittore  che contempla la sua musa e sta ore e ore a vedere di soprendere un detaglio …ti ci vedi? adesso scappa a creare e a scattare foto bellissime quanto le tue creazioni ….

Fammelo sapere con un commento la tua esperienza cone le foto . sarò lieta di condividere con te tutte le informazioni necessarie.

L’ uncinettina Lori Sconosciuto e l’arte del dono
24 agosto 2017
I designer di borse handmade che sono diventati famosi
14 agosto 2017
Guida al filato giusto
21 settembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *